Cinque curiosità sul pilates | Studio Lonoce
256
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-256,page-child,parent-pageid-108,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
 

Cinque curiosità sul pilates

Conosciamo meglio il pilates

Joseph Pilates aveva concepito un metodo basato sul controllo del corpo, della mente e dei muscoli. Il Contrology. Per fortuna questo nome non ebbe mai successo, così Pilates non brevettò mai il suo metodo con questo nome e i suoi insegnamenti rimasero a disposizione di tutti senza dover pagare alcuna concessione.

Gli esercizi originali sono 34. La sequenza originale codificata da Joseph Pilates includeva 34 esercizi al materassino ed è ancora utilizzata in tutto il mondo.

Il metodo Pilates fu inventato per riabilitare i soldati. Come abbiamo già detto, durante la Prima guerra mondiale, Joe Pilates si occupò di riabilitare i soldati tedeschi feriti e rinchiusi in un campo in Gran Bretagna.

Il Pilates permette di bruciare calorie per tutto il giorno. Il lavoro di resistenza consente di sviluppare una muscolatura affusolata risvegliando il metabolismo di chi lo pratica. Così si bruciano calorie anche dopo aver finito il workout.

Il Pilates è per tutti. Gli esercizi possono essere personalizzati perché Pilates è estremamente adattabile alle esigenze di chi lo pratica. Può andare bene per gli over 60 che non hanno mai praticato attività fisica. E poi è un ottimo alleato per le donne in gravidanza, ma è anche un fantastico complemento per l’allenamento degli atleti. Insomma non ci stanchiamo di dirlo, il Pilates è per tutti.